Documenti
 
1148 Novembre 22
J.V. PFLUGK - HARTTUNG, Acta Pontifìcum Romanorum inedita. Vol. IlI, Graz 1958, pag. 95.

La "canonicam sancti Michaelis de Grosseto" è annoverata fra i beni che il pontefice Eugenio III riconosce appartenere al Monastero femminile senese di Sant'Ambrogio di Montecellesi.


1175 Maggio 6
Arch. di Stato di Siena. Diplomatico.

Legato Bichi Borghesi Il pontefice Alessandro III prende sotto la protezione della sede apostolica il monastero di Montecellesi, di cui Recordata è badessa, e ne conferma i beni, fra i quali la chiesa di S. Cecilia di Montepescali e la canonica di S.MicheIe di Grosseto.


1181 Maggio 21
J.V. PFLUGK - HARTTUNG, Acta Pontifìcum Romanorum inedita. Vol. IlI, Graz 1958, p.285, N.34
)
Papa Alessandro III, su richiesta del Monastero di Montecellesi, dispone che Ildebrandino conte conceda un luogo adatto alla costruzione di un nuovo monastero di S. Angelo, in luogo di quello già esistente in Grosseto, sul Monte Curliano dove doveva trasferirsi la città. Ordina al vescovo di Grosseto ed ai canonici di aiutare le monache col trasporto delle pietre necessarie alla costruzione del monastero.

1185 Agosto 1
Arch. di Stato di Siena. Diplomatico. Trafisse

L'imperatore Federico I prende sotto la sua protezione il monastero di Montecellesi con i suoi beni, tra i quali sono confermate la chiesa di S. Cecilia di Monte Piscario e la canonica di S. Michele di Grosseto.


1188 Aprile 12
Arch. di Stato di Siena. Diplomatico. Riformagioni
Privilegio di Clemente III alla chiesa grossetana.

CLEMENS EPISCOPUS servus servorum Dei ven.fratri Gualfredo Grossetano episcopo... tuis iustis postulationibus clementer annuimus, et Grossetanam eeclesiam, cui, Deo auctore, praesse dignosceris sub beati Petri et nostra protectione suscipimus, et praesentis scripti privilegio communimus... Castellum de Ischia integre cum ecclesia, curte, et districtu suo, aquis piscariis, molendinis, et quicquid edificii est, vel proveniri potest in flumine Umbronis, infra curtem, et districtuin praedicti castri, et in lacu Bernardi, et quicquid iuris a praenominato fluvio iuste ab episcopo poterit iure dominii exigi. Et quicquid iuris habes vel possides in.curte et territorio Castellinovi, sicut in chartulis episcopatus continetur. Et quicquid iuris habes, et tenes in curte, et diatrictu Montis Calvi, videlicet in ecclesiac terris, et decimationibus cum albergaris, sicut in chartis episcopatus continetur. Medietatem totius Grosseti, et sexaginta casalinos sapra, cum curte, et districtu suo, et toto Tumbolo, et ecclesiis, scilicet: Ecclesia s.Petri eum omni iure, et proprietate sua; ecclesia sancti Michaelis cum omnibus pertinentiis suis; Ecclesia B. Andreae cum pertinentiis suis; Ecclesia s.Georgii cum omni suo iure. Et decimationem totius allodii, quod ecclesia s. Laurentii habet in districtu Grosseti et quartam partem omnium oblationum, quae proveniunt ex Dominicis diebus, et solemnitatibus principalibus et quae proveniunt ex Coena Domini, et Parasceve, et in omni Pascha, episcopo absente ab ecclesia maiori per annum. Medietatem omnium oblationum, quae ad manus tuas devenerint, cum in eadem ecclesia maiori cantaveris missam, quartam partem omnium testamentorum, exceptis terris, et vineis, et oblationibus missarum ............. ac etc. E quibus de consuetudine nihil percipis. Haec eadem de conauetudine percipis in ecclesia s.Michaelis, s. Luciae, et s.Andreae. Castellum de Rosella cum curte, et districtu suo, praediis, pratis, pascuis, rivis, et universis possessionibus suis, et quicquid iuste, et rationabiliter habes in canonica de Rosella, videlicet medietatem omnium testamentorum, et circa nomine pensionis singulis annis decem solidorum, et albergarias duas gcnerales cum viginti quinque equitaturis, et spetiales quantascumque cum septem, vel octo equitaturis per annum recipere volueris. Et quicquid iuris habes in castello, et curte, et districtu Montis Orzalis. Quartam partem castelli de Scarlino cum ecclesia scilicet, ecclesia de Lodena, et Caralle, curte, et districtu suo, pascuis, silvis, paludibus, rivis, laquis, et quartam portionem stagni, et portus. Et quicquid iuris ex ipsia per partem iam dictam vendicatur, et decimationem totius praedicti castri, exceptatis decimationibus allodii canonicae eiusdem castri, quas episcopi ipsi de propria voluntate concesserunt. Et quicquid iuris habes in praedicta canonica. Ecclesiam s. Donati cum possessionibus suis, quae episcopatui proprie spectat. Plebem de Gavorrano cum capellis suis et pertinentiis, e decimationc beati Laurentii, quam in proprios. usus habes, et quatuor solidos, quos annuatim percipis a filiis Ubertini et Ioseph de Massa. Plebem de Ioncarico cum pertinentiis suis, et decimam, quam episcopatus ibidem habet. Plebem de Burriano cum capellis suia, et decimatione eiusdem castelli, atque decimatione Tile. Capellam de Castelione cum iure suo, et albergarias, .quas habes in plebe eiusdem castri. Plebem de Rocca carn pertinentiis suis, et decimationem panis, et vini, quam in territorio, et planitie . de Rocca, et Villa Magna habes. Plebem de Alma cum cappellis, et decimationibus omnibus. Plebem de Tatte cum capellis omnibus, et iure suo. 'Plebem de Padule cum suis capellis, et omni suo iure. Plebem de Caminino cum omnibus capellis suis, pertinentiis, et decimis. Plebem de Lactaia cum capella sua. Plebem de Sticciano cum capellis suis. Et quicquid iuris habes in districtu de Monte Leonis, in terris, vineis, arboribus, cultis, et incultis. Capellam s. Stephani de Montepiscali, cum decimatione, et iure spirituali, et decimas, quas ad proprias manus tuas habes in eodem castro aut alii per te. Capellam s. Martini in Batignano cum omni suo iure. Capellam s.Cerboni, et capellam s. Michaelis in Monte Ursario cum decimis, et omni iure spirituali, et,decimationem panis, et vini, atque lini, quam illic in proprios usus habes. Plebem de Tabiano cum capella, et quae ad ipsam pertinent spiritualiter. Plebem de Fornuli cum capellis suis, et decimis, et quae de iure episcopali spectant ad eam. Plebem deTorgnalla, et capellam sanctae Sicuderae cum omni iure suo. Plebem de Bagnolo cum omnibus capellis suis, et cum omni iure suo. Plebem de Pogna cum omni iure, proprietate, et institutione, quae nullo mediante episcopatui tuo spectat, et possessiones, quas habes in praedicta villa de Pogna. Plebem de Martura cum capellis suis, et pertinentiis, et proprietatcm, et decimationes, quas habes in campo Famelico, et quaecumque Lombardi de Scarlino habent ab episcopatu in feudum. Plebem de Civita cum omnibus, quae spiritualiter ad ipsam pertinent, et Capellam de Monte Coriliano cum omni iure suo.

1220 Maggio 31
Arch. di Stato di Siena. Diplomatico. Legato Bichi-Borghesi

Due attestazioni fatte da Panzo, priore della chiesa di S. Michele di Grosseto, con la quali si dichiara che Alberto di Castellano e Tignoso non avevano voluto ricevere alcune lettere dirette loro dall' abate di S. Eugenio, e dal priore di S. Martino di Siena, delegati del Papa. In Grosseto. Salvi not.


1222 Aprile 8
Arch. di Stato di Siena. Capitoli 2, "Caleffo dell'Assunta", cc.369-370v

Ildebrandino e Bonifacio conti palatini, a nome loro e di Guglielmo e Ildebrandino minore loro fratello, in remunerazione della fedeltà e dei servigi ricevuti dai grossetani, nella chiesa di S.Michele di Grosseto confermano a Mangiante podestà di Grosseto e ad Albertino de Nobile camarlingo ed ai consiglieri di questa città la libertà concessa da conte Ildebrandino loro padre con le franchigie ed i patti nell’atto descritti, fra gli altri quelli relativi al "mercatum". Il fratello Guglielmo pochi giorni dopo ripete il giuramento "in matrice ecclesia Grossetana". " …Actum in civitate Grosseti in ecclesia Sancti Michelis…Postea vero anno et indictione superior dictis, mense eodem, die quarto exeunte, in matrice ecclesia Grossetana, Guilielmus comes palatinus, dictorum comitum frater, omnia et singula supradicta ad dictam mille marcarum penam per se et suos heredes rata et firma honore perpetuo et contra nullo ingenio venire permisit…"

1222 Maggio 8
Arch. di Stato di Siena. Conventi 161 - "Caleffo S. Galgano I", cc. 367t – 368

Testimonianze rese nella domus di Angilerio da Ermanno del fu Mazzagallo, Pellegrino e Bonido su alcuni legati fatti da Uguccione del fu Guido . Fra i beni una vigna posta in distretto di Grosseto che lascia al convento di S. Galgano, un campo in contrada di Piscina Barbione che dona alla chiesa di S.Michele, varie saline in Querciolo, l'"aquam suam de grado", un casalino in "hora Sancti Petri". Fatto e pubblicato nella curia del Comune di Grosseto. Tra i testi un Leonardo medico. Salvo not. grossetano.

1234 Settembre 26
Arch. di Stato di Siena. Diplomatico. Legato Bichi-Borghesi

Moliere, badessa di Montecellesi, concede un campo presso la chiesa di S. Dalmazio al chierico Benecasa, perché egli ne goda i frutti finché non sarà in questo modo estinto un debito di 8 lire e 7 soldi, di 12 sestari di grano e 12 di orzo, che il monastero di Montecellesi aveva con lui. "Actum Grosseti in domo ecclesie sancti Michaelis, presentibus presbitero Cirino de civitate Castri, Pace fìlio Guidonis et Alducio de Cortona testibus ad hec vocatis spetialiter et rogatis. Berniuccius de Grosseto autoritate imperiali notarius".

1245 Luglio 14
Archivio di Stato di Siena. Diplomatico. Archivio Generale

Camollino di Treca di Grosseto concede a Corbuccio di Montorsaio per Camolla sua figlia e di lui sposa due vigne in dote poste al "Vicinato e Castellare di Grosseto"; altro campo in detto luogo; altro in Piscina Barbione; altro a S.Andrea con olivi; la metà di quei due che ha in Querciolo e Galiano in Quattapeca, e un orto in cortina di S.Michele. Atto in Grosseto. Lotario notaio.

1276
Arch. Segreto Vaticano. Rationes Decimarum Italiae
(Ed.GUIDI, Tuscia I, La decima degli anni 1274-1280)

(1276-1277) Diocesi di Grosseto
.....
2947 Eccl. S.Benedicti de Grosseto
.....
2950 Eccl. S.Lucie de Grosseto
2951 Eccl. S.Michaelis de Grosseto
2952 Eccl. S.Petri de Grosseto
2953 Eccl. S.Georgi de Grosseto
2954 Opera S.Marie de Grosseto
.....

1298 Novembre 9
Archivio di Stato di Siena. Conventi 162, cc.271-272.v

Benuccio Rustichelli di Grosseto per rimedio dell'anima sua e dei suoi parenti dona al Monastero di S.Galgano, nella persona dell'abate Raniero, se stesso e tutti i suoi beni presenti e futuri. Una casa posta nella città di Grosseto, confinante nel primo lato con Brunaccio Dietiguardi, nel secondo e terzo con la via pubblica; un pezzo di terra posta in Contrada S.Martino, confinante al primo lato con gli eredi di Germano, al secondo Bonello di Orbetello e l'erede di Melloso e al terzo la via; un pezzo di terra in contrada detta al Rigo Salso, con al primo lato Vitale Mariscalco e al secondo Puocio da Campriano, al terzo il Rigo Salso; un pezzo di terra posto " a luliveto di S.Michele, con al primo lato è la chiesa di S.Michele , al secondo di Credo Valente; un pezzo di terra in contrada detta Massarone, con al primo lato gli ere di di Orgese, al secondo eredi Bonfiglioli, al terzo la via pubblica; un pezzo di terra posto in contrada Forche sulla via del Bagno di Roselle,con al primo lato la chiesa di S.Lucia, al secondo Meo di Benuccio e Giovanni oarnaiolo, al terzo Berinperto del fu don Niccolao, presso la quale terra sono due pezioli di terra verso il lago Bernardo delle quali le metà per indiviso è dell'Ospedale di S.ucia e di Meo di Benuccio; un pezzo di terra in contrada dove sono le forche sulla via del Bagno di Roselle metà per indiviso, alla quale al primo lato è degli eredi Joanni Lamberti e via pubblica; un pezzo di terra con ficaia, al cui primo lato è Nardo Colure, al secondo Durellino, al terzo don Bonaventura....., al quarto la via pubblica; un pezzo di terra in contrada La Malaterra, al cui primo lato è degli eredi di Iacometto al secondo la gora dei molini del Gomune di Grosseto, al terzo la via pubblica; una vigna posta in contrada del Malaciatico con al primo lato Guidone Aldigardi al secondo Beninasa, la chiesa di S,Lucia, la via pubblioa; una vigna in contrada Le Fornaci con al primo lato gli eredi Cinghiarelli, al secondo eredi di Boninsegna fornaio, al terzo Lamattaraia al cui primo lato gli eredi Cinghiarelli al secondo le monache di Schiara poi la via pubblica, poi la gora del molino del comune di Grosseto; un orto posto nella contrada di Porta Cittadina , confinata con Durellino q.Guarcherino, gli eredi di Tancredi fabbro e da due parti la via; un pezzo di terra da saline posto in Cardetalo di 22 saline e 22 in luogo Cottoi, una parte di peschiera posta a Cardo….Atto in Grosseto "in Grancia Sancti Andree".

1303
Arch. Sergreto Vaticano. Rationes Decimarum Italiae
(Ed. GIUSTI-GUIDI, Tuscia II, Le decime degli anni 1295-1304)

(1302-1303) Diocesi di Grosseto
.....
2939 Eccl. S.Leonardi de Grosseto
2940 Eccl. S.Lucie de Grosseto
2941 Eccl. S.Guillelmi de Bosco (et) eccl.
S.Iohannis de Grosseto
.....
2943 Eccl. S.Benedicti de Grosseto
.....
2947 Eccl. S.Petri de Grosseto
2948 Eccl. S.Michaelis de Grosseto
.....

1305 Gennaio 31
Arch. di Stato di Siena. Ospedale di S.Maria della Scala, n.1406, c.62

Nota dei beni stabili comprati dall'Ospedale di S.Maria della Scala nella città di Grosseto, redatta nel 1687.
«1305 Gennaio 31: sei case e casamenti sono acquistate dal rettore Restauro di Gionta in Terzo di S.Giorgio e popolo di S.Michele».